Martina DOGANA blog

27 febbraio 2012

5°Duathlon di Sirone: tattica ed esperienza!

In una bella domenica con temperature primaverili ho corso ieri la quinta edizione del Duathlon Sprint di Sirone (Lc) classificandomi al quarto posto.

Posso ritenermi soddisfatta della mia performance in quanto non ero al 100% della forma in seguito a una forma di influenza intestinale virale che ha colpito me e praticamente tutta la famiglia nei giorni scorsi.
Alla vigilia della gara non ero ancora sicura se prendere il via o limitarmi a tifare i miei tanti amici in gara, ma alla mattina dopo il riscaldamento, ho sentito che le gambe rispondevano allo stimolo e ho deciso di correre anche se un po' sottotono.

E così ho giocato di tattica e ho cercato di mettere a frutto l'esperienza accumulata in tanti anni sui campi gara.
Sapevo che la mia compagna di squadra Mateja Simic voleva provare a forzare nella prima frazione così quando lei è partita l'ho lasciata andare cercando di controllare le avversarie in modo che non la andassero a riprendere. Ho corso regolare senza chiedere troppo alle gambe svuotate dal virus, però il ritmo era abbastanza sostenuto.
In bici mi sono ritrovata con Monica Cibin e Alice Capone e, dato che Mateja ormai era davanti e sicuramente non aveva problemi a tenere il suo ritmo verso la vittoria, ho collaborato anch'io con qualche cambio soprattutto dove il vento era più forte. Il poco allenamento sui pedali però si è fatto sentire, già dopo i primi km avevo qualche sentore di crampi, per fortuna che indossavo gli R2 della Compressport che mi hanno aiutato a gestire meglio la muscolatura dei polpacci.
All'ultimo dei quattro giri di bici sapevamo che stavamo per essere riprese da Margie Santimaria, ma io ho consigliato alle mie compagne d'avventura di non forzare, perchè tanto lei stava sprecando tante energie al vento da sola e comunque tutte noi a piedi siamo più forti di lei. Infatti Margie ci ha raggiunto e si è messa in coda al gruppo. Ha provato a scattare all'ultimo giro di boa, com'era prevedibile, ma non l'abbiamo lasciata andare e anzi abbiamo rallentato fino quasi a fermarci perchè nessuna voleva più passare in testa controvento. A me, abituata alle gare senza scia, questa situazione mi ha fatto proprio venire da ridere!!
Agli ultimi 500m ho deciso che, visto che la mia posizione in zona cambio era quella più sfavorevole, forse era il caso di provare almeno ad entrare in testa per velocizzare la transizione.
Quando ho cominciato a correre le mie gambe si sono un po' risentite dello sforzo e non erano molto decise a collaborare, così ho corso gli ultimi 2,5km senza poter allungare e non sono riuscita a tenere il ritmo di Monica e Alice che si sono strameritate di salire sul podio. Io ho tenuto duro nonostante un po' di crampi dovuti alla disidratazione della settimana e ho cercato di correre con i piedi in maniera più economica possibile.
Il quarto posto è un ottimo risultato visto le mie condizioni, anche se è davvero una sensazione strana gareggiare sentendo che il fisico non riesce a dare il 100% come al solito...meno male che c'è sempre la testa come alternativa!!


Etichette:

3 Commenti:

  • brava, anche nell'analizzare la tattica durante la gara (io mentre corro è già tanto se riesco a respirare)

    Di Blogger stefanoSTRONG, Alle 27 febbraio 2012 12:48  

  • Complimenti per tutto Martina, ho scoperto solo oggi il tuo blog. Molto bello poter seguire i resoconti delle tue gare e dei tuoi allenamenti.
    E complimenti anche per l'ottima gara di duathlon condotta davvero con testa.

    Di Blogger Il Drugo, Alle 29 febbraio 2012 21:13  

  • complimenti .. per fortuna non stavi molto bene.... :-))
    ciao

    Di Blogger Pimpe, Alle 9 marzo 2012 21:46  

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]



<$I18N$LinksToThisPost>:

Crea un link

<< Home page